Metodi di Intervento

Centro Studi e Ricerca in Psicologia

La Gruppoanalisi

E' una forma di indagine, di ricerca, di terapia, di formazione analitica, non ” in gruppo ” o ” di gruppo “, ma mediante o attraverso il gruppo. La gruppoanalisi è un modello di osservazione, una teoria dello sviluppo psichico e della psicopatologia, che ha posto al centro della sua attenzione l'individuo concepito come essenzialmente determinato dal mondo in cui vive, dal gruppo di cui fa parte, dalla comunità più ampia.

 

Mira a:

 

– alleviare la sofferenza psichica derivante da problemi emotivi, che si manifestano come sintomi, alterazione degli affetti, affaticamento mentale da stress lavorativo, e problemi di relazione;

 

– favorire la consapevolezza che la malattia, vista in un’ottica integrata, è il risultato di complesse relazioni fra fattori biologici, psicologici, sociali, culturali, ambientali;

 

– approfondire la conoscenza della relazione biunivoca tra la psiche individuale e quella collettiva;

 

E’ una forma di psicoterapia che utilizza il gruppo come campo di indagine e di cura. Il lavoro analitico si concentra non sugli individui, ma sul campo collettivo e sulla matrice gruppale condivisa. E’ finalizzato a sostenere la strutturazione di una rete di relazioni, in cui ogni partecipante è un punto nodale della rete, fino al costituirsi di un basic-network condiviso.

Il lavoro analitico gruppale viene gradualmente interiorizzato, in una dialettica costante tra la “gruppalità esterna“, che si va via via sviluppando, ed una “gruppalità interna“, ovvero il molteplice, il diverso, l’ignoto anche dentro ognuno di noi, fino a produrre una costruttiva comunicazione circolare e un pensiero collettivo di tipo collaborativo e/o operativo.

La psicoanalisi, è aiutare le persone a diventare quelle che esse sono.

(Françoise Dolto)

 

 

La Psicoanalisi

E'’un metodo d’indagine sul funzionamento mentale e sulle sue disarmonie ma anche una chiave di comprensione della mente e lo strumento per migliorarla.

Consiste nel chiedere alla persona di parlare liberamente di tutto ciò che gli viene in mente,e, quando possibile, di raccontare i sogni che eventualmente ricorda (per i bambini, le libere associazioni vengono sostituite dal gioco spontaneo).

La cura psicoanalitica è un metodo indicato per le varie forme di sofferenza e disagio psichico di natura esistenziale e relazionale ed è consigliata a chiunque senta l’esigenza di conoscere in modo più profondo se stesso e desideri un cambiamento.

È un processo terapeutico intenso, che si propone di aiutare la persona, attraverso l’esperienza della relazione analitica, a mettersi in contatto con il proprio mondo affettivo ed emotivo in buona parte inconscio.

Non si limita quindi a ottenere dei risultati sintomatici, ma mira a cambiamenti profondi che rendano accessibili al paziente quelle potenzialità nascoste sotto i sintomi e le inibizioni e a migliorare con il tempo la qualità dell’esistenza in modo duraturo. Per questo al posto del temine “cura” preferiamo sostituire quello di “crescita” ovvero la possibilità di trasformazione che da tale relazione emotiva si attivano per sviluppare la capacità di sentire, scoprirsi ed accettarsi per come si è.